sabato 3 agosto 2013

Entità oscure, materia oscura




Sappiamo che esiste  una materia oscura, costituisce quasi il 90% della materia dell’Universo, anche se è invisibile, composta, si presume, da particelle “oscure”, cioè ancora non rilevabili dagli strumenti. Per questo, qualche scienziato ha cominciato a pensare che, accanto al plasma “ordinario”, possa anche esistere un tipo speciale di plasma, il dark plasma o plasma oscuro, un plasma fatto di particelle “oscure”.

Questa teoria, che ha preso il nome di Dark Plasma, sostiene appunto l’esistenza di un plasma “oscuro”. Occorre prima di tutto riflettere sul fatto che la materia oscura potrebbe essere presente intorno e all’interno del nostro Sistema Solare e, in particolare, intorno e dentro la stessa Terra. Di fatto, non esistono ragioni valide per pensare il contrario! La ricerca scientifica dimostra che, in effetti, il Sole e il Sistema Solare sembrano essere sotto l’influenza gravitazionale della materia oscura. La stanza in cui ora vi trovo potrebbe esser piena di materia oscura, senza che ne siate minimamente consapevoli.
Ora, possiamo chiederci:
che parte possono aver avuto o magari ancora hanno la materia oscura e il suo dark plasma nella nostra vita quotidiana? 

Possono, la materia oscura e il suo dark plasma, modificare il nostro destino? E come?
Viviamo immersi in una dark atmosfera?

Nell’ipotesi che la materia oscura sia presente sulla Terra nelle dimensioni supposte e che abbia avuto un ruolo nella nascita della vita e sulla sua evoluzione e perfino nel sorgere della coscienza, allora ha senso parlare di una dark biosfera, cioè di un mix di entità biologiche così come le conosciamo e di entità fatte di materia oscura. 
E questa dark biosfera potrebbe avere un qualche collegamento, ancora ignoto, che la rende più o meno simile in tutto l’Universo, dalla Terra alla galassia più lontana. La geologia afferma che la comparsa della vita sulla Terra sia stata pressoché immediata: essa era già presente quando le condizioni climatiche del pianeta erano apparentemente proibitive. Come è stato possibile? Forse qualcuno o qualcosa ha “seminato” la vita sulla Terra? Questo ruolo può esser stato giocato dalla materia oscura e dal dark plasma? E se sì, in che modo?
Come non pensare che certe malattie che sembrano comparire all’improvviso, certe infezioni, certi virus, certe epidemie misteriose, certe pandemie di cui fino a ieri non si sospettava neppure l’esistenza, certe malattie "psicosomatiche" non siano causate da queste entità oscure? Se così fosse, allora gli studiosi più avanzati nello studio degli alieni, non sarebbero né gli scienziati del SETI, né gli ufologi, ma medici e biologi. Malattie dallo spazio? Portate dalla materia oscura e/o dal dark plasma? Un’ipotesi allarmante e inquietante, ma per niente folle.
Non solo, ma qui, in mezzo a noi coesistono forme di vita basate sulla materia oscura. Poiché non sappiamo nulla della chimica della materia oscura, non si può escludere la possibilità di vite basate su una chimica diversa da quella che conosciamo, dai microbi alle balene. Una chimica basata sul carbonio. Queste forme di vita sarebbero molto diverse in scala, per la struttura e per l’intelligenza dalle forme di vita basate sul carbonio, ancor più diverse da quanto può essere un microbo da una balena.
Ma forse queste esotiche forme di vita, non stanno in qualche lontanissimo pianeta a migliaia di anni luce dalla Terra. Esse sono proprio qui, sulla Terra, intorno a noi e lo sono sempre state … Ma, essendo fatte di materia oscura (cioè invisibile) noi non le abbiamo mai viste! Di più: esistono da sempre entità “al dark plasma” che in modi ancora da investigare hanno influito ed influiscono sulla vita dell' umanità intera.

Nessun commento:

Posta un commento